Come il cellulare può migliorare la tua vita in 2 mosse…


Oggi molti di noi possiedono un cellulare, non importa se abbiamo un IPhone oppure uno Smartphone, quello che è importante è domandarci: come usiamo il nostro cellulare? 

Molti lo utilizzano per navigare in internet, altri passano ore chattando, altri ancora guardano film e video sul cellulare, qualcuno ancora usa il cellulare per parlare, pochissimi lo sfruttano come lettore di libri digitali, ma la mia domanda di oggi è la seguente: quanti di voi lo utilizzano per facilitare e promuovere la propria crescita personale?

Credo che qualcuno, o almeno mi piace pensarlo, lo faccia e probabilmente già conoscerà il libro e l’applicazione che sto per presentarvi, due perle utili a migliorare ogni giorno la tua vita e soprattutto a creare buone e salutari abitudini.
Le buone abitudini sono la base per realizzare sogni e raggiungere obiettivi; tutte le persone di successo possiedono abitudini che ne fortificano l’azione e il comportamento. 
Veniamo al dunque. 

La prima mossa che vi propongo è quella di leggere un libro di Charles Duhigg intitolato: “Il potere delle abitudini. Come si formano, quanto ci condizionano, come cambiarle”


La seconda proposta è un’applicazione che si chiama Coach.me, potete utilizzarla con il cellulare e anche con il computer, è molto utile e pratica  e trovarete amici e colleghi che con il proprio coach virtuale sono impegnati in un programma giornaliero per creare nuove abitudini. 
Unico eventuale limite è che l’applicazione è, per il momento, disponibile solo in lingua inglese, ma garantisco che è facilmente comprensibile.

Seguendo questo video in inglese (semplice da capire) vedrai nei dettagli come funziona questa utile applicazione.


Spero ti siano utili. Un grande abbraccio. 

P.S. Se pensi che questo post possa essere utile ai tuoi conoscenti condividilo pure sui social network utilizzando i pulsanti qui sotto. Lo apprezzerò molto. Grazie

®© Diego Trambaioli
Foto: Google Search
Condividi su Google Plus

About Diego Trambaioli

    Commenta con Google+
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento