10 Cose che Puoi Smettere di Fare per Essere Subito Più Felice


Si parla molto di felicità e di cosa bisogna fare per conquistarla.
A questo proposito, dipendendo dall'argomento, è molto più utile smettere di fare alcune cose invece che aggiungerne nuove abitudine alla quotidianità.
In questa lista lo scrittore Jeff Haden suggerisce dieci azioni che puoi iniziare ad eliminare dalla tua vita per migliorarla: 

1) Incolpare
Le persone fanno sbagli. Ci sono impiegati che deludono le tue aspettative, imprese che non consegnano in tempo i prodotti...
È quindi molto facile attribuire la colpa dei tuoi problemi agli errori degli altri. Nonostante tutto anche tu hai una parte di colpa.
Assumersi la responsabilità quando le cose non vanno come vorresti invece di incolpare gli altri non è un atteggiamento masochista, ma gratificante.
Alla fine, hai l'opportunità di fare tutto meglio in una futura occasione e, così, fare un passo in avanti verso una vita più felice.

2) Impressionare
Non c'è bisogno che a nessuno piacciano i tuoi vestiti, le tue cose o la tua macchina. Sono tutti oggetti, e anche se a qualcuno piacciono veramente, non significa che tu piaccia loro.
Chiaro, apparentemente può sembrare di sì, ma avviene in modo superficiale e non di forma sostanziale. E senza sostanza è impossibile avere una relazione vera. Così come le relazioni sincere ti aiutano ad essere più felice, tenta di smettere di cercare di impressionare gli altri e sii te stesso.

3) Attaccarsi
Quando le persone sentono paura o insicurezza, è probabile che si attacchino a ciò che già conoscono, anche sapendo che ciò potrebbe non essere il meglio.
Pertanto, l'assenza di paura e insicurezza non è felicità, è appena assenza di paura. Per questo è importante saper smettere di attaccarsi a ciò di cui pensi aver bisogno e cercare di ottenere ciò che realmente desideri.
Anche se non otterrai ciò che volevi, il semplice fatto di esserti mosso per ottenerlo è sufficiente per aiutarti a sentirti meglio con te stesso.

4) Interrompere
Interrompere gli altri non è solo maleducazione. Quando interrompi il discorso di qualcuno, ciò che realmente significa è:"Non ti sto ascoltando per capirti, ti sto ascoltando per poter dire ciò che io voglio dire."
Pensi che così piacerai agli altri? Comincia a ascoltare le altre persone e concentrati su ciò che dicono. Inizieranno ad apprezzarti e a te farà piacere come tutto ciò ti farà sentire.

5) Reclamare
Le tue parole hanno potere, soprattutto su te stesso.
Reclamare dei tuoi problemi ti farà sentire peggio, non meglio. Se c'è qualcosa di sbagliato, non perdere tempo a reclamare. Utilizza questo stesso sforzo per cercare di migliorare la situazione.
Se non vuoi passare il resto dei tuoi giorni reclamando, questa è la migliore opzione. 
Per questo, non conversare su ciò che va male, ma concentrati su come è possibile migliorare, anche quando l'argomento della conversazione sei tu stesso, i tuoi colleghi o i tuoi amici.
Ricordati che gli amici non lasciano reclamare i propri amici. Gli amici aiutano a migliorare la vita altrui. 

6) Controllare
Puoi essere il capo, ma l'unica persona che riesci a controllare sei tu stesso. Se hai tentato di controllare la vita di qualcuno, hai deciso che tu, i tuoi obbiettivi, i tuoi sogni o anche le tue opinioni sono più importanti di quelle di quest'altra persona.
Invece di fare questo, cerca persone che credono in ciò che tu credi. Lavoreranno meglio, si divertiranno di più e sarà più facile creare rapporti di lavoro o personali, il tutto essendo anche più felice.

7) Criticare
Puoi  avere più educazione o più esperienza, ma ciò non ti rende più intelligente o migliore degli altri. Ciò ti rende unico, ma alla fine de conti, è appena ciò che sei.
Allo stesso modo tutte le persone che ti circondano sono uniche. Così come tutti sono diversi (né migliori né peggiori), è molto più interessante accettare queste differenze invece di notare e additare i difetti. In questo modo vedrai gli altri con un punto di vista migliore (e potrai aspettarti che gli altri facciano lo stesso con te).

8) Supplicare
Se criticare gli altri è sgradevole, a stessa cosa vale per supplicare.
Quanto più sai, più facile sarà per te immaginare che sai tutto e cercare di dire agli altri cosa devono fare in base alle tue "conoscenze".
Quando dici qualcosa senza cognizione, le persone potranno anche darti attenzione, ma nessuno ti ascolterà e poche cose potrebbero essere più sgradevoli.

9) Conservati
È evidente che il passato è importante e può insegnarti molto. Lo stesso può dirsi riguardo al passato altrui. Quindi non puoi rimanere ancorato al passato. Ciò è appena un apprendistato e non definisce chi sei. Pensa in ciò che non ha funzionato, ma soltanto in modo che possa esserti utile in questo momento e vai avanti.

10) Avere paura
Tutti hanno paura di qualcosa. Di ciò che potrebbe succedere o meno, di ciò che non cambierà, di ciò che saremo capaci di fare e di come gli altri ci vedranno.
Proprio per questo non è difficile esitare e aspettare un po' prima di rischiare.
Nel frattempo giorni, settimane e mesi passano e, insieme a loro, se ne vanno i nostri sogni. Non permettere alla paura di impedirti di realizzare i tuoi programmi.
Fai qualunque cosa, altrimenti perdi la giornata attuale. Una volta che arriverà domani, la giornata odierna sarà persa e questo è un bene prezioso che nessuno vuole sprecare.

Fonte: Inc
Foto: Google Search


Utilizza lo spazio qui sotto per scrivermi ciò che pensi e condividilo con i tuoi amici e conoscenti. 
Un grande abbraccio. 

P.S. Se pensi che questo post possa essere utile ai tuoi conoscenti condividilo pure sui social network utilizzando i pulsanti qui sotto. Lo apprezzerò molto. Grazie

È molto più facile lamentarsi della sfortuna, del destino e vivere come spettatori guardando il successo altrui. Decidere di essere protagonisti richiede determinazione, fermezza e azione. Se possiedi queste qualità sicuramente starai già scaricando questo e-book perché sai che una lunga camminata inizia con il primo passo. 

Prezzo: SCARICA GRATIS
Condividi su Google Plus

About Diego Trambaioli

    Commenta con Google+
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento